FERMATE NEL DESERTO

Riportiamo l’estratto di un trafiletto che il “Cittadino” di oggi dedica ad un problema molto diffuso sul nostro territorio: la mancanza di pensiline alle fermate degli autobus:

«In via Di Vittorio, in prossimità del civico 63 manca una pensilina per l’attesa dell’autobus». La segnalazione viene dal consigliere di maggioranza, Antonio Marino, il quale spiega di essersi già fatto portavoce in comune di un’istanza che coinvolge gli abitanti della zona, soprattutto coloro cheutilizzano il mezzo pubblico. In particolare, i lamentati disagi sono avvertiti soprattutto in caso di maltempo, in cui i passeggeri gradirebbero una tettoia sotto cui ripararsi. In realtà, se in questo caso la richiesta si alza da via Di Vittorio, l’esigenza di pensiline, piuttosto che di tabelle degli orari e di segnaletica orizzontale in prossimità delle fermate dei mezzi pubblici, negli ultimi mesi è stata messa in evidenza da passeggeri provenenti più quartieri del territorio (…). Marino spiega di essersi già confrontato con i vertici del comune, chiedendo di dare seguito, con un piccolo investimento, alla richiesta dei tradizionale comfort a servizio dei passeggeri.> (L’intero articolo è consultabile nella rassegna stampa).

Segnaliamo al Consigliere Marino l’assenza di pensiline nell’intera zona di Certosa: Nelle foto seguenti si può vedere il “deserto” che circonda le fermate di via Tagliamento e delle due fermate sulla via Emilia, molto frequentate. Non solo il maltempo, ma anche il sole estivo creano un disagio a volte insopportabile per gli utenti, che sono costretti a ripararsi in luoghi a volte distanti dalle fermate, in attesa di scorgere l’autobus in arrivo.

rilievo 039.jpgrilievo 040.jpgrilievo 041.jpg

FERMATE NEL DESERTOultima modifica: 2009-01-21T13:23:00+01:00da luciarch
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento