L’AUTOBUS DELLA PAURA

Un altro fatto inquietante, dopo gli indumenti sporchi di sangue trovati a Certosa, è accaduto ieri in via Di Vittorio, e ne dà notizia il “Cittadino” con un ampio articolo (consultabile per intero in rassegna stampa) dal quale estrapoliamo alcuni passaggi:

“Che si tratti di una pallottola esplosa da un’arma da fuoco, oppure di una sfera di metallo lanciata con una fionda o a mano nuda è ancora un mistero. Quello che è certo è l’ennesimo atto vandalico ai danni di un pullman urbano di Autoguidovie, questa volta preso di mira dai soliti ignoti che mercoledì sera verso le 17.30 hanno indirizzato verso il bus di passaggio da via Di Vittorio un oggetto non meglio identificato, rompendo il finestrino laterale sul lato dell’autista. Il veicolo aveva fatto appena cento metri per raggiungere la metropolitana, quando si è udito un boato. L’autista, che nonostante tutto ha completato il servizio, appena accortosi del raid ha arrestato la corsa verificando quanto era accaduto. A bordo c’erano pochi utenti, frastornati e spaventati, che fortunatamente sono rimasti illesi. Tutti hanno pensato ad uno sparo, testimoniato dal colpo sordo e dal foro tondo visibile a 15 centimetri dal “tetto” del torpedone. Ma del proiettile o della biglia metallica non è rimasta alcuna traccia. Ieri l’episodio è stato denunciato ai carabinieri di San Donato, che per il momento preferiscono parlare più genericamente di «vandalismo”.

   Si rimane davvero senza parole. Un proiettile che colpisce un autobus cittadino in pieno giorno, e se fosse una biglia non ci sarebbe molta differenza in quanto, lanciata con una apposita fionda, avrebbe effetti simili a queli di un proiettile sparato da un’arma. Speriamo che si riesca a far luce su questo episodio e che non venga preso in considerazione, come soluzione del problema, lo spostamento del capolinea dell’autobus. Oltre il danno, ci sarebbe così anche la beffa per i residenti della via, che si troverebbero pure senza mezzi pubblici.

 

L’AUTOBUS DELLA PAURAultima modifica: 2009-01-23T19:05:59+01:00da luciarch
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento