LETTERA APERTA AL SINDACO DI GUIDO MASSERA

Riportiamo per intero la “lettera aperta” dell’ex-Vicesindaco di SDM, Guido Massera, che prende spunto dal crollo del controsoffitto della scuola di via Martiri di Cefalonia:

di Guido Massera il 26/05/2009 22.48.36

messaggio letto 58 volte
0 risposte

Spettabile Comune di San Donato Milanese
c.a. Il Sindaco, dott. Mario Dompè
———————————–

Riferimento crollo soffitto scuola materna via Martiri di Cefalonia
********************

Egr. dott. Dompè,

mi rivolgo ancora una volta a Lei con la piu’ viva speranza che
gestione della Ns. Amministrazione Comunale, che La vede occupare la
poltrona di comando piu’ alta, cambi direzione e non disattenda piu’
il Suo programma elettorale ora di governo.

Alla luce di 5 anni di opposizione eravamo tutti ben consci che una
serie di strutture comunali non erano in buono stato di manutenzione e
proprio per questo, nel periodo di mia permanenza in comune, in pieno
accordo con l’ing. Biolzi (allora stimato dirigente Area Tecnica)
stavo approntando un quadro generale di interventi di manutenzione
programmata degli edifici scolastici, che avrebbe dovuto ottenere
quelle certificazioni (certificato prevenzione incendi in primis) in
grado di documentare lo status di “edificio a norma” e “pienamente
agibile”.

Il primo punto di detto programma prevedeva la ricognizione dello
stato di manutenzione di detti edifici, al fine di avere un fotografia
attendibile dello stato dell’arte si cui basare quella stima e
programmazione pluriennale degli interventi necessari ad attuare
quanto promesso ai nostri elettori in primis, ma anche a tutti quei
bambini e genitori che in noi hanno confidato e riposto le loro
speranze.

La mia forzata dipartita, sicuramente lecita in quanto non godevo
della Sua fiducia, seguita dopo breve tempo da quella altrettanto
forzata dell’ing. Biolzi (decisamente avventata e priva di poco senso, soprattutto se si pensa che ben aveva comunque fatto con il “nemico pubblico numero uno”: la sinistra, e che ora “fa meraviglie a Magenta”, a quanto dicono i ns al governo di quella Città) Le imponeva in ogni caso di proseguire nella direzione intrapresa che Le avrebbe potuto evitare quanto è successo, o, per lo meno, poter pianificare con tempestività la gestione di emergenze di questo tipo che periodicamente si possono verificare in edifici vetusti.

Non voglio fare nessun tipo di polemica politica, ma invitarla a
cambiare direzione perchè quella seguita sino ad ora si è rivelata
fallimentare.

Non abbiamo lottato tanti anni per nulla…. e, ora, chiamati al
governo della ns. città non sappiamo tradurre in realtà tante parole e
promesse.

Ammetta i suoi errori, dovuti ad inesperienza ed ad un ”filo” di
egocentrismo, tagli spese inutili dedicando tutte le risorse possibili al governo della città.

Ammettere di aver fatto delle scelte sbagliate, non è sintomo di
debolezza o di incapacità, ma solo di intelligenza e capacità di
correggere la rotta ..anche se in corso.

Abbiamo ancora tre anni per dimostrare la concretezza e la capacità
delle forze di centro destra di governare con sensibilità e
oculatezza, oltre che con la necessaria attendibilità di saper
trasformare le promesse in risultati…, ma il tempo stringe…forse
un po’ troppo.

Guido Massera

Pubblichiamo questa lettera perchè ne condividiamo i contenuti e anche perchè ci consentirà, nei prossimi post, di riallacciarci ad essa per parlare di manutenzioni.

L.M.

LETTERA APERTA AL SINDACO DI GUIDO MASSERAultima modifica: 2009-05-27T11:10:00+02:00da luciarch
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento