PROTESTA DI MARINO PER I PARCHEGGI DI VIA PARRI

Il Consigliere Comunale Antonio Marino protesta contro la maggioranza di cui fa parte per l’annoso e mai risolto problema dei parcheggi di via Parri, utilizzati anche dai frequentatori della piscina comunale, senza che vi sia un controllo, come riporta l’articolo di oggi del “Cittadino”:

 

“Nuovi segnali critici sull’annoso dilemma dei parcheggi di via Parri si alzano dal consigliere del gruppo misto che fa parte della maggioranza di centrodestra, Antonio Marino. Se ormai da anni si moltiplicano le petizioni, con un’iniziativa simile promossa anche in tempi recenti, da parte di cittadini che sollecitano maggiori controlli tra gli spazi destinati alla sosta, l’esponente della coalizione di centrodestra esibisce una missiva protocollata in comune, in cui spiega di aver disertato la manifestazione di chiusura dei corsi sportivi, in quanto, da quando è stata inaugurata la stagione estiva della piscina, i residenti sarebbero incappati in una serie di disagi. (…)Con l’arrivo dell’estate e la riapertura della piscina, che rappresenta un gettonato punto di riferimento, Marino torna alla carica, sollecitando ai vertici del comune di adottare misure per garantire il rispetto delle regole, con una nuova crociata contro i trasgressori impenitenti che, secondo il suo osservatorio da residente della zona, non rispetterebbero il disco orario e nemmeno le strisce, con situazioni di continuo disagio per chi invece si attiene alle regole.”

 (l’intero articolo in rasegna stampa)

 

Già, il rispetto delle regole. Ne abbiamo già scritto a proposito delle Ordinanze del Sindaco sui bivacchi, la prostituzione per strada e le bevande alcoliche. Dove sono i controlli? Bene fa il Consigliere a protestare. Speriamo solo che la sua protesta sia ascoltata da chi di dovere e non si limiti al solo problema, per quanto importante, dei parcheggi di via Parri.

L.M.

PROTESTA DI MARINO PER I PARCHEGGI DI VIA PARRIultima modifica: 2009-05-27T10:53:11+02:00da luciarch
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento