IN ATTESA DEL P.U.T.

Il “Cittadino” in edicola ieri, affrontava il tema del traffico a San Donato, dopo che una serie di incidenti ha funestato questo periodo pre-vacanziero. E’ presente nell’articolo anche una citazione per il nostro blog, in merito agli ingorghi in uscita da piazza Tevere verso la via Emilia. Torniamo ancora sul’argomento perchè Certosa attende ormai da diversi anni il Piano Urbano del Traffico, che potrebbe alleggerire la situazione disastrosa che si crea in piazza Tevere nelle ore di punta e correggere certi giri viziosi ai quali gli abitanti del nostro quartiere devono adeguarsi, a causa di sensi unici poco meditati.

 IMG00097.jpg

Nella foto che pubblichiamo è visibile l’incrocio incriminato, ma l’orario in cui è stata scattata non permette certo di rendersi conto di che cosa succede al mattino o alla sera, dalle 17.00 in poi. Tutto il traffico in uscita dal quartiere gravita su quei pochi metri di strada, dove confluiscono i flussi provenienti da via Adige e da via Ticino (dotate tra l’altro di stop) per sfociare sulla via Emilia. La presenza della fermata di autobus proprio alla fine di via Ticino e l’immissione degli autobus stessi su via Piave contribuisce ad aumentare l‘ingorgo che, talvolta, appare impossibile da risolvere. Liti e imprecazioni sono all’ordine del giorno perchè, chi proviene dagli stop, cerca comunque di immettersi, per non restare definitivamente fermo nella via di provenienza. Queste immissioni avvengono a forza, in un clima da giungla urbana che non risparmia nessuno, pedoni compresiA quando una soluzione?

Ecco un estratto dell’articolo in questione:

Cittadini e forze politiche reclamano attenzione sulla sicurezza delle arterie locali. «Alla luce degli ultimi incidenti stradali avvenuti in via Angelo Moro – lamenta l’esponente del Pdl, Giovanni Cafaro – , in qualità di consigliere comunale che risiede nella via in oggetto, sollecito i componenti dell’ufficio tecnico ad effettuare i sopralluoghi al fine di integrare e rafforzare la segnaletica stradale orizzontale e verticale». (…) Ma rimane in attesa di interventi anche il rondò San Martino, che recentemente è stato teatro di una serie di sinistri con feriti. L’esponente del Pdl Guido Massera ha recentemente preso la parola, lanciando un appello ai vertici del comune, affinché siano rapidamente realizzati quegli investimenti previsti da tempo per mettere in sicurezza l’incrocio, dove l’ultimo incidente risale a domenica sera. (…) Si aggiungono poi i problemi causati dagli ingorghi concentrati su alcune vie che sembrano ormai inadeguate a sostenere il gran carico di traffico che si trovano a sopportare ogni giorno. Anche gli attenti gestori del blog di Certosa (http://percertosa.myblog.it), in attesa del nuovo Piano urbano del traffico, hanno più volte puntato i riflettori su via Adige, dove si incontra il traffico di ingresso ed uscita dal quartiere, con un viavai che nelle ore di punta crea una pesante congestione di mezzi. Anche in questo caso i residenti auspicano che vengano individuate soluzioni alternative.Giulia Cerboni

IN ATTESA DEL P.U.T.ultima modifica: 2009-07-09T12:34:00+02:00da luciarch
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento