L’ECO E IL DEGRADO DI CERTOSA

Eco 15.07.09.jpg

 

 

 

 

Ampio e dettagliato articolo, oggi, sulle pagine dell’Eco di Milano e Provincia, dedicato ai problemi di Certosa. Il cronista non trascura nulla, dalle risse ai bivacchi, dal traffico alle siringhe. E’ riservata una nota anche alla petizione “Più sicurezza a Certosa”, con i riferimenti per sottoscriverla. Solo una piccola rettifica, dato che mi si cita nell’articolo a proposito della viabilità verso Borgolombardo. La chiusura della via Greppi verso san Giuliano Milanese avvenne in seguito ad una raccolta di firme dei residenti, stanchi (giustamente) di essere afflitti dal traffico di attraversamento di chi voleva evitare i semafori e le code della via Emilia. Riaprire la via non è certo nei “desiderata” di noi residenti, però forse una qualche forma di riapertura ci dovrà essere, per consentire al nuovo edificio, che sorgerà al posto della ex-Bull, di avere un accesso anche dal nostro comune, dato che una porzione del detto edificio insisterà proprio su terreno di San Donato. Per di più i percorsi tortuosi che abbiamo ora dovrebbero essere rivisti e razionalizzati per snellire il traffico anche all’interno del quartiere. Può darsi che ciò comporti una riapertura, in un senso o nell’altro, della testata di via Greppi. in quel caso, andranno messi in opera tutti quegli accorgimenti che permettano di avere un traffico modesto e rallentato, che non sia di pericolo per gli scolari e i residenti stessi. (l’intero articolo in rassegna stampa)

L.M.

L’ECO E IL DEGRADO DI CERTOSAultima modifica: 2009-07-15T15:30:00+02:00da luciarch
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento