ANCORA VANDALISMI ALL’AFOL IN VIA PARRI

Ancora vandalismi alla sede AFOL di via Parri, dove ogni volta vengono fatti danni tangibili per rubare pochi euro, così come era successo più volte al Centro Sportivo Nardelli. Che cosa si aspetta a installare un sistema di allarme? Che cosa ce ne faremo delle telecamere sparse per tutta la città se i luoghi pubblici non hanno nemmeno un sistema che avvisi i Carabinieri di una intrusione? Ricordate che era successo, tempo fa, anche all’Ufficio Anagrafe del Comune, proprio nello stesso stabile del Comando dei Vigili Urbani? Ecco il racconto dell’episodio dalle pagine del “Cittadino” di oggi:

Dopo il raid messo a segno fra lunedì e martedì alle scuole medie di via Gramsci, i ladri sono tornati in azione la notte scorsa (tra mercoledì e giovedì) prendendo ancora una volta di mira le macchinette per la distribuzione di merende e bibite, ma in una struttura diversa: il bersaglio era la sede dell’Afol (Agenzia di formazione e lavoro) in via Parri. Qui hanno razziato le apparecchiature facendo un bottino di non più di 20 euro e scappando, non prima di aver scolato qualche lattina di coca cola gettata a due passi dall’uscita. I malviventi hanno utilizzato la porta antipanico che si affaccia sull’ingresso principale: per accedere è stato sufficiente utilizzare un cacciavite o una carta di credito. All’interno ne hanno scardinata un’altra al primo piano, sono penetrati anche nelle stanze della biblioteca comunale, mettendo a soqquadro i cassetti, alla ricerca di qualche cosa da rubare. Hanno trovato dei distributori e li hanno depredati. Poi sono tornati all’Afol e qui hanno forzato altre cinque “macchinette”. Successivamente, secondo quanto è possibile ricostruire, hanno radunato le cassettine dei distributori e sono scesi al piano terra. Quindi hanno svuotato i contenitori che sono stati abbandonati vicino all’uscita, insieme a qualche bibita che era stata consumata.(…segue in rassegna stampa)

ANCORA VANDALISMI ALL’AFOL IN VIA PARRIultima modifica: 2010-03-05T13:47:33+01:00da luciarch
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento