QUALCHE MOSSA SULLO SCACCHIERE DELLA SICUREZZA

Qualche novità, a San Donato, sotto il profilo della sicurezza. Ieri sera, nel corso del Consiglio Comunale, il Sindaco ha annunciato il previsto cambio al vertice della Polizia locale: il dottor Guido Allais prenderà il posto di Antonio Nicolì. L’avvicendamento era atteso da molto tempo, anzi, si pensava che sarebbe stata una delle prime mosse da parte di Dompè all’indomani della conquista del Municipio da parte del centro-destra. Invece ci sono voluti quasi tre anni. La “Gazzetta” in edicola dall’8 marzo, ne dava già notizia:

Gazzetta 08.03.10.jpg

 

 

Sempre ieri, il “Cittadino” ci informava sul “Progetto SMART”:

“Scatta l’operazione Smart anche nel Sudmilano, controlli a tappeto in tutto il territorio. Dopo l’esperienza dei giorni scorsi nel Lodigiano, sabato pomeriggio da Melegnano è ripreso il progetto Servizio di monitoraggio aree e rischi del territorio , operazione promossa dalla Regione Lombardia con il coinvolgimento di 12 comuni tra Sudmilano e Alto Lodigiano. Oltre a Melegnano (capofila), c’erano Vizzolo, Dresano, San Zenone, Colturano, Paullo, Tribiano, Rodano, Pantigliate, San Donato, Mediglia e Mulazzano. Attorno alle 18 in piazza della Vittoria si sono radunati una cinquantina di agenti delle polizie locali dei comuni interessati dal progetto, cui hanno partecipato anche da carabinieri e dalla polizia di Stato. Le forze dell’ordine sono poi partite ciascuna per il proprio comune di competenza dove, attraverso posti di blocco e controlli di vario tipo, hanno presidiato il territorio sino alle 2 di notte. (…segue in rassegna stampa).

Sullo stesso numero, buone notizie anche sotto il profilo degli arresti:

“Era il 22 febbraio, alla discoteca Club 71 di Milano, quando l’ennesimo scontro tra etnie costò la vita a un romeno di 25 anni, colpevole di aver osato “ammiccare” a una coetanea sudamericana con un ballo e qualche parola di troppo. A rimettere le “cose” al loro posto ci aveva pensato H.A.B.A., prendendolo a calci e pugni. Il personale della sicurezza li aveva divisi, ma A. ha inseguito fuori dal locale il suo rivale accoltellandolo 17 volte alla schiena e uccidendolo. Le testimonianze hanno permesso ai carabinieri di Milano di ricostruire quel che era successo e alla fine di rintracciare sabato mattina l’aggressore in un appartamento in via Monte Bianco a San Donato. (…segue in rassegna stampa).

 Insomma, tra azione incessante dei Carabinieri e iniziative tra forze congiunte sembra si aprano nuove prospettive per il controllo del territorio. Al nuovo Comandante Allais auguriamo di cuore buon lavoro, chiedendogli di avere un occhio di riguardo per il nostro quartiere.

QUALCHE MOSSA SULLO SCACCHIERE DELLA SICUREZZAultima modifica: 2010-03-09T17:22:00+01:00da luciarch
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento