COM’E’ IL NUOVO CONSIGLIO REGIONALE?

Comè il nuovo Consiglio Regionale, così come esce dalle recentissime consultazioni elettorali? Ce lo spega in modo efficace un articolo pubblicato proprio sul sito della Regione:

Le novità nel nuovo Consiglio regionale

Il nuovo Consiglio regionale vede un ricambio consistente: oltre il 50% degli eletti è nuovo (43 su 80), di questi 41 mettono per la prima volta piede al Pirellone. Questa volta, a differenza della precedente legislatura, tutte le province saranno rappresentate in Consiglio regionale: anche Sondrio infatti elegge propri rappresentanti.
A presentare il rinnovamento più significativo è la Lega Nord, dove 14 Consiglieri su 20 sono nuovi (70%). Le uniche riconferme sono a Lecco quella dell’ex capogruppo Stefano Galli, a Milano quelle di Davide Boni e Fabrizio Cecchetti, a Bergamo di Giosuè Frosio e Daniele Belotti, a Varese di Luciana Ruffinelli. Tris di novità a Brescia, con Renzo Bossi, Pierluigi Toscani e Alessandro Marelli, a Monza con Massimiliano Romeo (che precede l’ex assessore Massimo Zanello, impedendogli la riconferma al Pirellone), a Mantova con Claudio Bottari, a Pavia con Angelo Ciocca (che prevale sull’uscente Lorenzo Demartini), a Sondrio con Ugo Parolo, a Varese con Giangiacomo Longoni, a Como con Dario Bianchi (che esclude l’uscente Edgardo Arosio). Nuovi sono anche Jari Colla e Max Orsatti a Milano, Roberto Pedretti a Bergamo e Alessandro Marelli a Brescia. Altre novità i due Consiglieri leghisti eletti nel listino di Formigoni: il futuro vicepresidente della Regione Andrea Gibelli e Cesare Bossetti. Restano infine esclusi perché inseriti nella seconda parte del listino l’ex Assessore regionale alla Sanità Luciano Bresciani, l’ex Presidente del Consiglio regionale Giulio De Capitani e l’ex Consigliere regionale bresciana Monica Rizzi.
Numerose le novità anche nel Partito Democratico, che elegge 14 nuovi Consiglieri regionali: sono Fabio Pizzul, Arianna Cavicchioli e Carlo Borghetti, ai primi tre posti per preferenze ottenute nella circoscrizione milanese. Nuovi anche i Consiglieri bresciani (Gianni Girelli e Gianbattista Ferrari) e quelli bergamaschi (Maurizio Martina e Mario Barboni): altre novità sono Giovanni Pavesi a Mantova, Agostino Alloni a Cremona, Fabrizio Santantonio a Lodi, Giuseppe Villani a Pavia, Angelo Costanzo a Sondrio, Enrico Brambilla a Monza e Alessandro Alfieri a Varese. A Milano riconfermati Francesco Prina, Franco Mirabelli e Sara Valmaggi, Giuseppe Civati e Stefano Tosi riaffermano la loro leadership rispettivamente a Monza e Varese, Luca Gaffuri e Carlo Spreafico si riconfermano in riva al lago a Como e Lecco. Tra i Consiglieri regionali uscenti, Ardemia Oriani è la prima dei non eletti a Milano, Arturo Squassina lo è a Brescia, Marcello Saponaro (ex Verdi) a Bergamo e l’ex capogruppo Carlo Porcari a Pavia.
Il Gruppo più numeroso è quello del Popolo della Libertà con 29 Consiglieri regionali, ma è anche quello a presentare il più basso tasso di rinnovamento, con soli 6 volti completamente nuovi che si aggiungono ai ritorni di Romano La Russa (Assessore esterno nell’ultima legislatura) e Giorgio Pozzi (Consigliere e Assessore dal 2000 al 2005): nuovi sono Doriano Riparbelli, Nicole Minetti e Giorgio Puricelli inseriti nel listino di Formigoni, così come Rienzo Azzi a Varese, Mauro Parolini a Brescia e Stefano Carugo a Monza. Riconfermati a Milano Mario Sala, Stefano Maullu, Alessandro Colucci, Sante Zuffada, Domenico Zambetti, Massimo Buscemi e Angelo Giammario; primi degli esclusi nell’ordine Giulio Gallera, Antonella Maiolo e Manfredi Palmeri. Riconfermati Raffaele Cattaneo a Varese (non ce la fa l’ex Assessore all’agricoltura Luca Ferrazzi), Gianluca Rinaldin a Como, Carlo Maccari a Mantova (che si aggiudica la sfida con l’ex Vice Presidente del Consiglio regionale Enzo Lucchini), Giovanni Rossoni a Cremona, Giulio Boscagli a Lecco, Giancarlo Abelli a Pavia (resta fuori il Consigliere uscente Francesco Fiori), Marcello Raimondi e Carlo Saffioti a Bergamo, Massimo Ponzoni a Monza, Franco Nicoli Cristiani e Margherita Peroni a Brescia (dove il primo degli esclusi è l’uscente Vanni Ligasacchi). Riconfermati anche, insieme al Presidente Roberto Formigoni, Paolo Valentini e Roberto Alboni, rispettivamente ex capogruppo e vicecapogruppo, inseriti nel listino bloccato.
Per l’Italia dei Valori, accanto al riconfermato Stefano Zamponi, si registrano tre “new entrance”: sono Giulio Cavalli a Milano, Gabriele Sola a Bergamo e Francesco Patitucci a Brescia.
L’UdC riconferma l’ex capogruppo Gianmarco Quadrini, primo a Brescia: al suo fianco Enrico Marcora (eletto a Milano, dove l’ex Consigliere regionale Silvia Ferretto è solo quarta) e Valerio Bettoni, che a Bergamo precede l’uscente Battista Bonfanti.
Nella circoscrizione di Milano, alla riconferma di Elisabetta Fatuzzo (Pensionati) si aggiunge la novità di Chiara Cremonesi (Sinistra Ecologia Libertà), che precede ed esclude l’uscente Mario Agostinelli. Infine, prima volta tra i banchi del Consiglio regionale anche per l’ex presidente della Provincia di Milano e candidato alla presidenza della Regione Filippo Penati.”

COM’E’ IL NUOVO CONSIGLIO REGIONALE?ultima modifica: 2010-03-31T17:49:00+02:00da luciarch
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento