L’INQUINAMENTO DELL’ACQUA A CERTOSA E’ UN CASO ISOLATO?

Sulle pagine del “Cittadino” di oggi approda la questione dell’acqua inquinata nei box al confine con Borgolombardo. Inquinamento della falda o della roggia? Forse sapremo qualcosa di più dall’ARPA se effettuerà le analisi. In casi come questo, comunque segnalate sempre l’accaduto sia all’ARPA che al Comune.

“Box allagati con acqua inquinata proveniente dalla roggia. L’allarme si è levato dai caseggiati del quartiere di Certosa ai confini con l’area sangiulianese di Borgolombardo. Ad alzare una serie di quesiti tra i residenti, è stato un episodio che risale ai giorni scorsi, rispetto al quale ha posto l’accento un cittadino direttamente interessato, scrivendo una missiva indirizzata al blog del quartiere (http://percertosa.myblog.it). In particolare, in un caseggiato settimana scorsa alcuni garage si sono allagati, in quanto si è “inceppata” la pompa. I condomini si sono resi immediatamente conto delle chiazze oleose che si vedevano nell’acqua, accompagnate da un odore di gasolio che con il passare delle ore è aumentato. Lo stesso odore secondo più testimonianze si avvertiva anche in prossimità dei tombini di via Adda. Il timore è che sia stato versato carburante nella roggia, sebbene per il momento si tratti solo di supposizioni. Certo, il fatto fa tornare immediatamente alla memoria l’allarme che si è alzato qualche mese fa dalla frazione sangiulianese di Civesio, negli immediati confini con la zona industriale di San Donato, dove all’improvviso gli abitanti si sono resi conto che l’acqua aveva assunto un aspetto lattiginoso. Sono immediatamente scattati gli interventi, con un’ispezione anche da parte dei tecnici dell’Arpa (Agenzia regionale per l’ambiente), a cui si sono abbinati anche altri approfondimenti, nel timore che qualche ditta di San Donato avesse scaricato sostanze nocive.(…segue in rassegna stampa)

L’INQUINAMENTO DELL’ACQUA A CERTOSA E’ UN CASO ISOLATO?ultima modifica: 2010-05-14T19:42:38+02:00da luciarch
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento