DOMANI SI DECIDE IL DESTINO DI CERTOSA

E’ arrivato oggi nella nostra casella di posta il nuovo comunicato stampa di Rifondazione Comunista dopo quello che abbiamo pubblicato in anteprima venerdì scorso. Molto interessante è anche la lettera di accompagnamento che pubblichiamo integralmente:

“Inviamo in allegato il Comunicato Stampa del Circolo di Rifondazione Comunista relativo ad un piano urbanistico su un’area del quartiere Certosa di San Donato, un piano che viene portato alla discussione del consiglio comunale del 28.7  e che prevede di aumentare i volumi previsti dal Piano Regolatore del 150% con ZERO mq di verde pubblico, in un quartiere densamente abitato e con poco verde.

La settimana scorsa Rifondazione Comunista – per informare i cittadini di Certosa – ha distribuito un volantino in tutte le caselle e affisso locandine nel quartiere.

Abbiamo presentato anche una formale richiesta di rinvio (in base al Regolamento del Consiglio Comunale)  e presentato degli emendamenti migliorativi nel caso la maggioranza respinga la richiesta di rinvio.

Vi ringraziamo per l’attenzione che vorrete dedicare e salutiamo cordialmente.

Per il Circolo PRC di San Donato

Massimiliano Mistretta, Mimma Gentile”

Domani dunque si decide il destino di Certosa, perchè un tale aumento di volumetrie, la monetizzazione degli standard, il fatto di non indicare se tali somme saranno utilizzate o meno nel quartiere per riqualificarlo, gettano un’ombra oscura sul nostro piccolo ma popoloso agglomerato, pregiudicandone per sempre uno sviluppo armonico.

Rifondazione chiederà un rinvio della discussione, come emrge anche dal nuovo comunicato stampa inviatoci: l’ultima possibilità per poter ancora avere un minimo di voce in capitolo su quello che si profila come il più grande inganno dell’Amministrazione Dompè.

Ecco il comunicato del PRC:

CEMENTO SU CERTOSA

Certosa rischia una colata di cemento che toglierebbe al quartiere l’ultima possibilità di avere un po’ di verde

 

 

Il 28.7 alle ore 18, in pieno estate e con una fretta non necessaria, il Sindaco di San Donato e la maggioranza portano in Consiglio Comunale un Piano Urbanistico che vuole cementificare TOTALMENTE l’area “Carta e Valori” di Certosa senza lasciare neanche 1 mq di verde pubblico!

 Carta e Valori” è un’area di 5.200 mq, lungo via Greppi/angolo Via Piave: al posto dell’attuale stabilimento il Piano Regolatore prevede la realizzazione di 10.000 mc di case (cioè l’equivalente di 30 abitazioni di 100 mq ) e 2.650 mq di verde pubblico.

 Il Sindaco e la Giunta invece vogliono aumentare le costruzioni del 150 % e ridurre a ZERO i mq di verde pubblico,

 Il Piano presentato dal sindaco INVECE prevede SOLO 315 mq per i parcheggi e NEANCHE un 1 mq per il verde pubblico!

 Invece delle aree verdi e dei parcheggi, l’Amministrazione vuole farsi dare soldi (1.287.000 euro).

 Certosa non ha bisogno di cemento, Certosa è già densamente abitata

Certosa ha bisogno di verde, di vivibilità, di riqualificazione ed i consiglieri comunali possono fare

in modo che ciò accada

 

Infatti, il Consiglio Comunale è obbligato per legge a discutere il piano ma può rinviarne la discussione:

 Il Consiglio Comunale è obbligato a discutere il piano ma può respingerlo: Rifondazione sostiene da sempre che l’area Carta e Valori va riqualificata senza aggiungere un solo mattone in più,

Partito della Rifondazione Comunista – Circolo di San Donato

 

 la documentazione relativa al Piano urbanistico è sul nostro sito: www.rifondazionesandonato.it

San Donato, 26.7.2010

DOMANI SI DECIDE IL DESTINO DI CERTOSAultima modifica: 2010-07-27T16:25:00+02:00da luciarch
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento