C.S. DI RIFONDAZIONE COMUNISTA SULL’EX CARTA E VALORI

Riceviamo, e volentieri pubblichiamo, il nuovo Comunicato Stampa del PRC riguardo la vicenda dellex Carta e Valori:

COMUNICATO STAMPA P.R.C. – 02.08.2010

 

DOMPÈ MANI DI CEMENTO

 

Area “Carta e Valori” di Certosa: 25.000 mc invece dei 10.000 mc del Piano Regolatore, ZERO mq di verde invece dei 2.650 mq del Piano Regolatore: ecco il regalo che il Sindaco ha deciso di fare a Certosa.

Il destino di un’area così importante per Certosa è stato deciso il 29 luglio, in piena estate, alle 3 di notte, al di fuori del Piano di Governo del Territorio, con metodi sbrigativi e tempi ultrarapidi: il piano presentato dalla proprietà il 15.7 è stato messo all’ordine del giorno del Consiglio Comunale dopo SOLI 2 giorni! Pur avendo 7 mesi di tempo per decidere, la maggioranza ha respinto la nostra richiesta di rinviare la discussione a dopo l’estate e di consentire agli abitanti di esprimere le proprie ragioni.

Non vi era alcuna legge che obbligasse l’Amministrazione a cementificare in questo modo l’area “Carta e Valori”:

il Sindaco lo ha fatto usando in modo scorretto la legge regionale 13/2009, una legge che consente di costruire in deroga al Piano Regolatore ma che NON era obbligatorio applicare a “Carta e Valori”.

Si tratta di una scelta VOLUTA dalla maggioranza e che non rispetta le esigenze del quartiere

, comprensibili a chiunque abbia occhi per vedere e orecchie per ascoltare. Inoltre, quando le Amministrazioni concedono di costruire mc in più, ottengono dalla proprietà maggiori oneri o maggiori servizi per i cittadini, invece la proprietà di “Carta e Valori” riceve graziosamente tanti vantaggi senza pagare una sola lira in più, anzi ha persino un risparmio economico!

Ecco invece alcuni “vantaggi” che gli abitanti di Certosa ricavano dallo scempio “Carta e Valori”:

neanche 1 mq di verde PUBBLICO (in deroga al Piano Regolatore e alle leggi nazionali)

15.000 MC IN PIU’ DI CEMENTO (in deroga al Piano Regolatore e alle leggi nazionali )

palazzi alti 34.5 metri (in deroga al PRG) che tolgono luce alle case vicine

pochissimi parcheggi (in deroga al Piano Regolatore)
indice edificatorio di 6,10 mc/mq superiore addirittura a City Life! (in deroga a leggi nazionali e al PRG)

NESSUNA POSSIBILITA’ DI PRESENTARE OSSERVAZIONI (in deroga al Piano Regolatore e alle leggi nazionali)

 


Tutto questo il Sindaco e la maggioranza hanno avuto il coraggio di chiamarlo riqualificazione! Con questa “riqualificazione” vogliono TOGLIERE a Certosa l’ultima possibilità di avere verde pubblico attrezzato all’interno del quartiere, tra l’altro in una posizione ideale perché diventi un luogo di incontro e socializzazione molto vissuto (vicino alle scuole, alle case, alla parrocchia e lontana da strade di grande traffico).

Si tratta di una decisione scandalosa con la quale la maggioranza decide che in un quartiere senza verde invece delle aree verdi è meglio farsi dare dalla proprietà SOLDI per le casse comunali!

E’ di quattrini che il Sindaco ha parlato durante il Consiglio Comunale e, pur derivando dalla SVENDITA del verde di Certosa, i Consiglieri di maggioranza hanno detto NO anche alla richiesta di utilizzare quei soldi per il quartiere!

 

NON SI PUO’ ACCETTARE PASSIVAMENTE QUESTO SCEMPIO

Certosa non ha bisogno di altro cemento, ma di verde, di vivibilità, di riqualificazione.

Continueremo a informare i cittadini e a contrastare questa speculazione in tutte le sedi possibili.

 

C.S. DI RIFONDAZIONE COMUNISTA SULL’EX CARTA E VALORIultima modifica: 2010-08-03T10:25:50+02:00da luciarch
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento