CANTIERE EX-BULL: CHE COSA STA SUCCEDENDO?

Dopo aver ricevuto queste foto da Daniele Borriero, e dopo esserci attivati singolarmente presso gli Uffici tecnici dei comuni di San Giuliano e San Donato, nonchè presso i Vigli Urbani sempre di san Donato, abbiamo deciso di scrivere, come Comitato, una lettera al Commissario Prefettizio del comune a noi confinante e al rispettivo Ufficio Tecnico.

Immag130.jpg

Immag129.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Che cosa si nota dalle foto che ritraggono il cantiere ex-Bull? Lo scavo appare privo dell’acqua che lo riempiva fino a poco tempo fa, segno che le idrovore hanno pompato via l’acqua, ma, senz’acqua, sono visibili sulla parete opposta dello scavo le canalizzazioni delle due rogge che passavano sotto il vecchio edificio industriale demolito. Tali canalizzazioni appaiono interrotte, com’è ovvio, dato che lo scavo è più profondo della quota delle rogge tombinate. A questo punto sembra evidente che, se nelle rogge dovesse scorrere dell’acqua, questa non troverebbe altro sfogo che riversarsi nello scavo, oppure, nel caso di chiusura delle canalizzazioni, tornare indietro (verso il parcheggio di via Adda, per intenderci) e fare magari un danno. Forse non è un caso che si sia aperta più di un mese fa una voragine proprio sotto questo parcheggio, proprio in una posizione intermedia tra le due rogge tombinate. Come già detto, abbiamo parlato della situazione con diversi interlocutori senza, per ora, avere risposte, risposte che sono mancate anche in seguito a due e-mail di posta certificata inviate da un membro del nostro Comitato in forma privata. L’unica risposta del Comune di San Giuliano, infatti, è stata di questo tenore:

2010-12-09 14:47:34

 

“Gentile signora/Egregio signore,
L’ufficio tecnico comunica che l’acqua presente è piovana e ristagna a causa del terreno argilloso. Il fondo fossa è a 3,5 metri mentre la falda è a 5,0 metri. Le fognature sono sulla sede stradale e non hanno interferenze con il cantiere. La prossima settimana il sito verrà prosciugato con wellpoint e l’acqua andrà nelle rogge che attraversano l’area, dopo di che verrà fatto lo scavo definitivo a cui seguirà il getto della platea di fondazione e la completa impermeabilizzazione. 
La ringraziamo per la collaborazione e porgiamo cordiali saluti.
Ufficio Relazioni con il Pubblico 
Comune di San Giuliano Milanese”

Dopo aver visto nelle foto che cosa rimaneva dopo il prosciugamento, ci siamo  decisi a scrivere formalmente al comune di San Giuliano Milanese e, per conoscenza, anche al nostro, in quanto parte del terreno dell’ex-Bull ricade su territorio di San Donato Milanese, perchè la voragine si è aperta in un parcheggio urbanizzato anni orsono da San Donato, perchè tale parcheggio è attiguo alla scuola Mario Greppi e, infine, perchè il parcheggio rappresenta una servitù di passaggio per l’entrata secondaria della scuola. Ecco il testo della missiva, nella quale si chiede se i cavi tombinati siano realmente interrotti, come sembrerebbe dalle foto e, in caso affermativo, se tale interruzione sia stata autorizzata e siano stati avvisati gli enti competenti, se l’esecuzione delle opere sia corretta, se, nel caso l’interruzione sia stata autorizzata, sia stato previsto un sistema di regolare deflusso delle acque delle rogge, di verificare se la voragine apertasi sia da mettere in relazione con questa interruzione e quando si intenda mettere in sicurezza e ripristinare le aree interessate dai cedimenti.

Attendiamo fiduciosamente risposta nel termine di legge di trenta giorni consecutivi….

LETTERA COMITATO A COMUNE SGM 1.jpgLETTERA COMITATO A COMUNE SGM 2.jpg

CANTIERE EX-BULL: CHE COSA STA SUCCEDENDO?ultima modifica: 2010-12-21T21:50:00+01:00da luciarch
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento