LE CASE SU CARTA E VALORI: PRESENTAZIONE DELL’OPERAZIONE EDILIZIA A CASCINA ROMA

Riceviamo da Daniele Borriero, membro e tesoriere del Comitato Quartiere Certosa, un resoconto della presentazione dell’operazione edilizia avvenuta sabato scorso a Cascina Roma. Per il Comitato era presente, oltre a Daniele, anche Lodovico Casentini. Ecco, in sintesi, che cosa è accaduto:

“Sabato 19 marzo presso Cascina Roma è stato illustrato alla cittadinanza il progetto immobiliare che avrà corso sull’area ex- Carte e Valori. Un progetto che, seppur privato, ha visto la convalida del sindaco Mario Dompé, presente in sala, che ha introdotto l’evento commerciale illustrandone i contenuti di pubblica utilità. Secondo infatti il rappresentante della nostra città, tale progetto avrà il merito di mettere in sicurezza un’area di avanzato degrado nel quartiere Certosa, avendo inoltre il compito di offrire sul mercato un numero elevato di appartamenti a basso costo, pur rimanendo nell’ambito dell’edilizia privata, consentendo così alle giovani coppie di trovare una soluzione abitativa senza allontanarsi troppo. Sicuramente questo progetto immobiliare sortirà questo effetto e quindi l’affermazione del sindaco non è per nulla campata in aria: l’introduzione di un così ampio numero di appartamenti in una zona ad alta densità abitativa avrà come conseguenza il deprimersi delle quotazioni degli appartamenti più vecchi nella zona. A seguito della breve presentazione del sindaco, la parola è toccata al progettista, arch. Barbero, e al rappresentante di AbitareCo, sig. Crupi, che hanno avuto il compito di illustrare il progetto nei dettagli.

Ad un prezzo di 2200/2500 euro al mq, entro breve partiranno i lavori per l’edificazione di 2 torri di 10 piani più seminterrato cantina/box, con doppio corsello per l’ ingresso ai box, uno su via Piave, l’altro all’angolo, ma insistente su via Greppi, perpendicolari tra loro, 110 appartamenti circa per 110 box, 30/40 posti auto pubblici, con giardini privati a pianterreno, un piccolo parchetto giochi privato dietro, una piccola pista ciclabile dietro i palazzi che segue il percorso della vecchia roggia Certosa tombinata. Gli edifici saranno circondati da una recinzione metallica: il poco verde residuo sarà quindi visibile dalla strada ma non accessibile. Degli alberi esistenti ne verranno conservati 6 su 11 all’incirca. Una nuova illuminazione e marciapiedi completeranno l’opera, i cui lavori inizieranno a breve con lo smaltimento dell’amianto presente nell’edificio e la demolizione dello stesso, con probabile restringimento della via Greppi e l’eliminazione temporanea dei parcheggi.

Al termine della presentazione si sono levate alcune proteste da parte dei presenti. Una cittadina, non facente parte del comitato, ha ricordato le firme raccolte contro questo progetto e le nefaste conseguenze che avrà sull’abitato, manifestando tutta la sua preoccupazione con una forte indignazione. Pochi gli interessati all’acquisto in quella sede, molti di più i curiosi, ansiosi di conoscere il destino che graverà sul quartiere Certosa. Una domanda che sembra coinvolgere molti è stata posta ai costruttori: ma se lo scopo di costruire è vendere, non si poteva realizzare qualcosa che piacesse di più a tanti, diminuendo le volumetrie e dando maggiore respiro al quartiere?”

Daniele Borriero

LE CASE SU CARTA E VALORI: PRESENTAZIONE DELL’OPERAZIONE EDILIZIA A CASCINA ROMAultima modifica: 2011-03-23T09:54:00+01:00da luciarch
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento