LAGHETTO E ALTRO: L’INCONTRO DEL COMITATO COL SINDACO

Sul tema del laghetto di via Volturno, il Comitato ha chiesto lumi al Sindaco Dompè, in un incontro avvenuto ieri, 9 giugno, in quanto la gente, dopo aver visto spostare gli animali, prosciugare l’invaso e recintarlo, teme che possa essere interrato.

Il Sindaco ha risposto facendoci vedere un progetto di riqualificazione, firmato da un professionista esterno. Si trattava di un progetto bello e ambizioso, sicuramente quello di cui ci aveva a suo tempo parlato l’ex Assessore all’Ambiente Claudio Monti, tanto bello quanto costoso (116.000 euro). Il Comitato ha precisato di non aver mai richiesto un tale impegno e di essersi sempre accontentato della semplice realizzazione di un pozzo artesiano per la captazione dell’acqua di falda, ai fini di alimentare il laghetto a costo zero, senza spese per l’utilizzo dell’acqua potabile, come avviene ora.

 Allegato al progetto vi era il conto economico e ci siamo accorti che in una pagina veniva proposta anche la soluzione di minima che avevamo richiesto: realizzazione del pozzo e risistemazione delle sponde. Tale progetto avrebbe un costo, comprensivo di tutto, di circa 14.250 euro. Abbiamo fatto presente, dato che il Sindaco lamentava comunque la difficile congiuntura economica e la scarsità di fondi a disposizione per qualsiasi intervento, che, a fronte di un risparmio annuo nella spesa corrente di circa 14.000 euro, poteva essere messa a disposizione la stessa cifra, una volta per tutte, per realizzare il pozzo, dal capitolo delle Opere Pubbliche. Quando gli abbiamo ricordato che, nell’ultimo Consiglio Comunale, lui stesso si era impegnato a utilizzare 300.000 euro dell’avanzo di amministrazione per riqualificare il quartiere il Sindaco non ha obiettato nulla. Abbiamo anche fatto presente che il Consiglio Comunale aveva deliberato di accettare il punto 4 della petizione “Più verde e meno cemento a Certosa” che prevedeva la partecipazione dei cittadini al processo di riqualificazione del quartiere, ed è in base a questa deliberazione che intanto il Comitato, come rappresentante dei cittadini, chiedeva di dirottare una piccolissima parte di quella somma per sistemare, nel frattempo, il laghetto. Il Sindaco ha anche asserito di aver ordinato in prima persona lo svuotamento del laghetto, bypassando anche l’Ufficio tecnico, in quanto la situazione era diventata insostenibile. Abbiamo risposto che concordavamo con lui, ma che il passo successivo deve essere quello di avviare i lavori per il pozzo.

Abbiamo anche chiesto a che punto fosse il progetto di riqualificazione di piazza Tevere, ma dalla risposta ne abbiamo dedotto che non è ancora stato affrontato dall’Ufficio Tecnico, così gli abbiamo lasciato per l’ennesima volta i disegni della nostra proposta al riguardo ricordandogli gli impegni presi.

L’incontro si è svolto in un clima cordiale, dove le due parti hanno potuto spiegare le proprie reciproche difficoltà e i cittadini hanno potuto entrare nel dettaglio delle problematiche e dei desiderata. Si è parlato anche di molte altre cose, tra cui la situazione della scuola di via Greppi, ed è stata inoltrata al Sindaco la lettera che la Dirigente scolastica aveva spedito diversi mesi orsono all’Ufficio Tecnico chiedendo lavori di messa a norma del giardino, ora non utilizzabile a causa della dichiarazione di inagibilità dell’ASL. Il Sindaco ha assicurato che sono previsti lavori durante l’estate ma si informerà se questi comprendono anche quelli elencati dalla dirigente. Per i distacchi di intonaco, Dompè ha assicurato che è già prevista un’indagine termografica durante la chiusura delle scuole, con ripristino delle parti ammalorate.

L’incontro si è chiuso in modo sereno, anche se sulle questioni del laghetto e di piazza Tevere non sono state date dal Sindaco risposte certe e nemmeno date sicure di inizio dei lavori di riqualificazione.

Luciana Menegazzi

LAGHETTO E ALTRO: L’INCONTRO DEL COMITATO COL SINDACOultima modifica: 2011-06-10T11:25:00+02:00da luciarch
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento