CHI “METTE IN PAUSA” DAVVERO LA CITTA?

Un breve commento alla lettera dei ricorrenti contro il “Sesto” palazzo uffici che abbiamo pubblicato qualche giorno or sono.

Complimenti ai cittadini ricorrenti che hanno replicato all’inopportuno editoriale del Sindaco sull’ultimo numero di San Donato Mese.
Metto in evidenza questi passaggi della lettera, che riguarda anche le Osservazioni che, all’epoca, il Comitato Quartiere Certosa, fece in merito al progetto del “Sesto”: “Ribadiamo che la presentazione del ricorso da parte dei sei firmatari è stata l’ultima delle azioni possibili , sperimentata la “ sordità “ della sua Amministrazione di fronte alle richieste ragionevoli ed alle critiche costruttive presentate nel pieno rispetto delle procedure . Ne ricordiamo qui alcune per maggior chiarezza :(…) che oltre alla riqualificazione e adeguamento degli impianti del Parco di via Caviaga (ex Snam) anche per le altre strutture sportive comunali sandonatesi ci fosse la stessa attenzione (…) Queste sono state alcune delle richieste inascoltate , avanzate non certo per interesse privato ma affinchè “preziose risorse economiche”, come lei stesso le definisce, entrassero legittimamente nelle casse comunali a beneficio di tutta la città.”
Nelle Osservazioni, come Comitato scrivemmo: “Riteniamo che, nell’ottica di rilancio della città, così come sostenuto dal Sindaco nella lettera ai cittadini datata 15.11.2010 che presentava il progetto del Campus Eni alla città, il Comune di San Donato non possa accettare che questi fondi messi a disposizione da Eni siano destinati esclusivamente al centro sportivo di Metanopoli via Caviaga.
Il Comune di San Donato può e deve ripartire tali fondi per la riqualificazione di tutti i centri sportivi comunali che necessitano di interventi, in base alle diverse priorità e necessità, come, ad esempio, il campo sportivo “M. Nardelli” di Certosa il cui manto terreno, dopo diciassette anni di utilizzo, non ha drenaggio e necessita pertanto di completo rifacimento, anche mediante carotatura e rizollatura.”
Se questo vuol dire “mettere in pausa” la città, come dichiara il nostro Sindaco…

Luciana Menegazzi

CHI “METTE IN PAUSA” DAVVERO LA CITTA?ultima modifica: 2011-09-13T16:20:00+02:00da luciarch
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento