LE DISCUTIBILI DICHIARAZIONI DELL’ASSESSORE GARGANI

Torniamo per un attimo alle pagine che il “Giorno” di domenica 25 settembre ha dedicato alla “serata sicurezza” promossa dal Comitato Quartiere Certosa. In un articolo, troviamo alcune dichiarazioni che l’Assessore alla Sicurezza, Simona Gargani, ha rilasciato alla giornalista. Che cosa dice l’Assessore? Citiamo dall’articolo: “Abbiamo le armi spuntate, l’anno scorso il Sindaco aveva emesso delle ordinanze antialcol e antibivacco, ma oggi sono diventate carta straccia perchè ritenute anticostituzionali. (…)Dai controlli è emerso che queste persone provengono dall’Est europeo e quindi, essendo tutte comunitarie non sono perseguibili per immigrazione clandestina. Inoltre sono tutti incensurati e hanno dei contratti di lavoro in regola. Con queste premesse, non possiamo fare molto(…)Il fronte della sicurezza è uno dei temi centrali della Lega, ma senza leggi più efficaci ci ritroviamo nelle condizioni di poter fare poco per rispondere alle paure della gente. Purtroppo la Legge è dalla parte di queste persone“.

Ora, sorge spontanea in noi cittadini una domanda: se l’Assessore alla Sicurezza dichiara di non poter fare nulla, e quindi di non poter garantire la sicurezza, ci si chiede a che cosa possa servire questo assessorato. La questione dei contratti di lavoro in regola, poi, ci fa sorridere: è risaputo che queste persone esibiscono sovente contratti contraffatti o intestati a ditte fallite. Il Comitato ha chiesto più volte, nel corso degli incontri con l’Assessore ma anche con il Comandante della Polizia Locale, che la veridicità di quanto dichiarato da questi personaggi fosse verificata, magari chiedendo l’intervento dei Carabinieri o della Guardia di Finanza, ma evidentemente non ci si è mossi in questa direzione. Durante la serata, uno dei “bivaccatori”, crediamo di nazionalità rumena, ha preso la parola. Alla domanda “scusi, lei che lavoro fa?”, la risposta, incerta e condita dall’odore dell’alcool, è stata:” faccio i traslochi, però oggi lavoro e domani magari no“. Quindi, di quali contratti regolari di lavoro si sta parlando?. Si tenga presente inoltre che, da quando i Vigili hanno censito gli stranieri di piazza Tevere, i frequantatori sono cambiati e sono comparse nuove persone.

Sconfortante poi la chiosa dell’Assessore Gargani. L’Italia è un paese che ha fin troppe leggi, a nostro parere basterebbe farle rispettare, non ne occorrono di nuove: Se poi pensiamo che la Lega è al governo del Paese da circa tre anni, si capisce come il ricorrere a questo argomento sia la classica foglia di fico. Insomma, a noi cittadini, lasciatecelo dire, questa “Lega di lotta e di governo” ha proprio stancato.

 

LE DISCUTIBILI DICHIARAZIONI DELL’ASSESSORE GARGANIultima modifica: 2011-09-27T22:15:16+02:00da luciarch
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento